AMBIENTE DUNALE Casalbordino

Le preziose dune di Casalbordino sono una delle ultime testimonianze della natura costiera abruzzese. Visitando questo piccolo tratto di costa si può avere un’idea di quale doveva essere anticamente l’aspetto della spiaggia in condizioni di completa naturalità. Le dune si sviluppano parallelamente al litorale e sono costituite soprattutto da sedimenti fini portati dal moto ondoso che li trasporta e rideposita secondo le correnti principali. La sabbia inizia ad accumularsi quando incontra le rocce o le piante. La vegetazione ha quindi una fondamentale importanza per la formazione delle dune. Sul lido di Casalbordino, a ridosso della pineta, dune embrionali e piccole dune mobili ospitano numerose specie ormai rarissime in tutto il litorale adriatico, come l’Anthemis maritima, una vistosa margherita dalle foglie succulente, o la Pseudorlaya pumila, una piccola ombrellifera poco appariscente ma rarissima e il Pancratium maritimum, il candido giglio di mare. La presenza della pineta costiera, se ha compromesso l’ambiente retrodunale, è stata decisiva per la conservazione delle dune perché ha impedito l’urbanizzazione indiscriminata della zona. Possiamo ancora incontrare, infatti, la rara orchidea Oprys incubacela dal caratteristico labello vellutato che imita l’addome di un insetto, e la Biscutella didyma, una crocifera dai caratteristici frutti simili a minuscoli occhiali.

Meteo