SCOGLIERA E SPIAGGIA DI CASARZA Vasto

Località Casarza è nel cuore del Sistema di Aree Protette della Costa Teatina ed è stata pensata e realizzata per salvaguardare la presenza di ben 300 specie animali, su circa 800 censite in Abruzzo. La spina dorsale di quest’area è l’ex tracciato ferroviario che permetterà di percorrere a piedi ed in bicicletta l’intera costa chietina. Casarza rappresenta un tassello importante di questo “corridoio” faunistico e botanico. Qui svernano e sostano molte specie di uccelli come il Piro, i Piovanelli, i Chiurli, le Ballerine Bianche, Nere e Gialle, i Cormorani, varie specie di Gabbiani, lo Smergo minore, varie specie di anatre come le Morette e gli Svassi. In alto è facile osservare il volo di rapaci come Gheppi e Poiane, provenienti dal vallone dell’Anghella, che scende al mare dalla città di Vasto. I Cormorani sono, per esempio, facilmente osservabili in inverno sui pali dei trabocchi che costituiscono altro aspetto caratteristico della costa vastese e teatina. Le specie botaniche più importanti sono rappresentate soprattutto dalla vegetazione delle rupi marittime rappresentata dal Finocchio di Mare, il Mirto ed alberi di alto fusto come la Roverella.

La scogliera di Casarza, dotata di una comoda area parcheggio, offre un mare limpidissimo e trasparente su cui si aprono, accanto ad un approdo di barche da piccola pesca, delle splendide calette invitano a proseguire il percorso di scoperta verso sud fino a località Trave, dove con la bassa marea è possibile vedere i resti del porto romano di Histonium che affiorano dall’acqua.

Meteo