ROCCA SAN GIOVANNI

Altitudine: 155 m s.l.m.
Abitanti: 2379
Telefono: 0872/60121
Municipio: Piazza degli Eroi, 14

Notizie Storiche

ROCCA SAN GIOVANNI

Rocca San Giovanni venne fondata nel 1076 dall’abate Oderisio I a difesa del territorio dell’abbazia di San Giovanni in Venere di Fossacesia durante le invasioni da parte dei Normanni di Puglia e dei Turchi. Tre secoli dopo furono erette altre tre torri massicce e una cerchia muraria più robusta. Il tutto venne abbellito da Oderisio II con edifici e monumenti. Nel 1346 numerosi soldati armati occuparono i territori di Rocca San Giovanni, ma non riuscendo a penetrare nel Castello, dove avevano preso rifugio l’abate e tutti i suoi sostenitori, incendiarono molti edifici e portarono via tutto il frumento ammassato. L’azione bellica si ripeté intorno alla fine del 1300 da parte di Ugone degli Orsini, che con i suoi attacchi provocò notevoli danni alle costruzioni del paese. Infatti gli abati dei primi anni del XV secolo furono occupati in dispendiosi interventi di restauro.
Nel 1456 si abbatté sul paese e su gran parte dei paesi frentani, un forte terremoto che provocò numerosi morti oltre che la distruzione di tante abitazioni. Nonostante ciò il paese visse un periodo prosperoso fino al 1627, quando un altro terribile terremoto danneggiò le mura orientali, i cui abitanti s’impegnarono personalmente a ricostruire anche perché fungono tuttora da sostegno dell’abitato. I danni visibili ancora oggi sono quelli procurati, nel novembre del 1943, dai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale.

Da vedere, in stile romanico a tre navate, anche la chiesa di San Matteo Apostolo e il Palazzo Municipale del XIX secolo, di ispirazione classica, sede di un’interessante raccolta di opere d’arte: sculture, pitture, incisioni, disposte sapientemente lungo la scalinata d’onore e nella sala consiliare, sono lì a testimonianza dell’amore per l’arte da parte della cittadinanza.

Da visitare anche il centro storico del paese caratterizzato da piccoli vicoli che un tempo pulsavano di vita e che a poco a poco si vanno rianimando. Discendendo lungo il corso, si raggiunge una splendida terrazza panoramica dalla quale è possibile ammirare la valle sottostante.
Vallevò, stretta fra un mare carezzevole e morbide colline, Vallevò si raccoglie tutta in un pugno: una manciata di case basse affacciate sugli orti, alcuni Trabocchi, e un porto domestico popolato da piccole barche.

Meteo

Dove siamo

Sai già dove andare?

Scopri le offerte

Galleria Fotografica